Quando WhatsApp era a pagamento Nessuna valutazione ancora.

Non tanto tempo fa, dopo 1 anno di utilizzo WhatsApp scadeva ed era necessario pagare per poter continuare ad utilizzarlo. Molti spesso non sapevano come procedere per pagare il rinnovo e continuare così a scrivere e ricevere messaggi gratis! La procedura non era semplicissima.

Scopri in questa guida cosa era necessario fare per rinnovare WhatsApp, quali metodi di pagamento erano accettati e quanto costava.

Metodi per Pagare WhatsApp con Android

I possessori di smartphone Android avevano a disposizione diversi sistemi di pagamento, infatti era possibile pagare WhatsApp con:

  1. Carta di Credito (anche con carte di credito ricaricabili)
  2. PayPal
  3. Credito telefonico

Bastava aprire WhatsApp sullo smartphone e toccare l’icona con i 3 puntini (di solito posta in alto a destra). Compariva un menù a tendina.

Per pagare WhatsApp non dovevevano fare altro che toccare “Impostazioni“, e nella schermata successiva andare su “Account“, poi “Info pagamento” e mettere il pallino accanto al pacchetto che desideravano pagare (1 anno, 3 anni o 5 anni di utilizzo WhatsApp).

impostazioni whatsappaccount whatsapprinnovo whatsapp

A quel punto dovevano toccare “Google Wallet” e poi il tasto acquista. Fatto questo compariva una finestra dove potevano decidere se pagare il rinnovo di WhatsApp con la carta di credito associata al proprio account Google, toccando semplicemente il tasto “Acquista”, oppure se utilizzare un metodo di pagamento alternativo toccando il prezzo in alto a destra e poi “Metodi di pagamento“.

Potevano aggiungere una nuova carta di credito con “Aggiungi carta di credito“, oppure semplicemente pagare WhatsApp con PayPal toccando “Aggiungi PayPal“.

I clienti Wind sia con piano ricaricabile che abbonamento avevano anche la possibilità di pagare WhatsApp con il credito telefonico andando su “Attiva la fatturazione Wind“.

Come dicevo, tutto questo fino a poco tempo fa, infatti ora non è più possibile pagare WhatsApp perché è diventato gratis a vita!

Valuta questo Articolo

Mario Pet

Mario Pet

Tecnico Informatico, Web Developer, Blogger e YouTuber.

Hai qualche domanda sull'articolo?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.